stampa serigrafica

La stampa serigrafica dalla Cina ad oggi

La stampa serigrafica è una delle più antiche tecniche di stampa, utilizzata ancora oggi per riprodurre immagini e testi su qualsiasi tipo di materiale, come ad esempio le borse personalizzate. Il termine è di origine ibrida e deriva dal latino seri (seta) e dal greco γράφειν (gràphein, scrivere).

Per risalire alle origini della serigrafia bisogna tornare indietro alla Cina antica. Per la precisione alla Dinastia Song, che fu in auge tra il 960 e il 1279, anche se avvisaglie vi furono ai tempi dei Fenici. In Oriente, inizialmente la serigrafia veniva ottenuta utilizzando capelli femminili fissati a cornici di legno. Ben presto si passò all’utilizzo di telai di seta per il passaggio degli inchiostri.

Dalla Cina, la serigrafia si estese ben presto anche in Giappone e nei Paesi limitrofi. In Europa sbarcò solamente nel XVIII secolo grazie anche all’espansione del commercio della seta. La prima città della Francia nella quale si cominciò ad utilizzare la serigrafia fu Lione. Dove ebbe origine quella cui ci si riferisce oggi con ‘stampa alla Lionesa’.

Quanto alla serigrafia moderna, quella che è arrivata anche a consentire la realizzazione di abbigliamento personalizzato, nacque nel 1910, quando cominciarono ad applicarsi le cosiddette componenti fotosensibili per il passaggio degli inchiostri.

Diffusasi anche negli Usa, questa tecnica di stampa divenne particolarmente apprezzata nel Nord America per la cartellonistica pubblicitaria e per l’utilizzo fatto da alcuni artisti, su tutti Andy Warhol che realizzò negli anni ’60 probabilmente quello che è il manifesto a livello mondiale dell’arte serigrafica, ossia il celebre ritratto dell’attrice Marilyn Monroe.

 

Come funziona la stampa serigrafica

Come avviene con tipografia e litografia, nella nostra serigrafia a Napoli possiamo stampare su varie superfici tramite un cliché o quadro di stampa. Nel caso specifico della stampa serigrafica, il cliché altro non è che una cornice sulla quale viene posto un tessuto a maglie. Una parte viene otturata tramite procedimenti fotomeccanici, mentre vengono lasciate libere le superfici in corrispondenza dei disegni o dei testi da stampare.

Poi, tramite una lamina di gomma che in termine tecnico viene definita Racla, si fa scorrere premendo sul cliché l’inchiostro, che passa attraverso le maglie lasciate libere e si deposita sull’oggetto (foglio o altro tipo di materiale) riproducendo così testi e immagini su magliette e polo personalizzate.

Con questa tecnica, si può stampare qualsiasi materiale, in diverse forme: è così che possono essere realizzati, ad esempio, anche gadget personalizzati. Nel video che segue potrai vedere uno dei nostri operatori impegnato nella stampa serigrafica su buste in carta.

E non è tutto perché la nostra stampa serigrafica a Napoli si presta a diversi tipi di produzioni, come la stampa di felpe personalizzate, dipinti, cartelli stradali, grembiuli personalizzabili, e ombrelli promozionali. Tramite i macchinari serigrafici è possibile imprimere anche testi e immagini su tessuti. Magliette, tele, cravatte, abbigliamento sportivo, calzature etc., ma anche su supporti in plastica suoi derivati, come cartelli segnaletici, pannelli vari, pensiline…

La serigrafia è in grado di ottenere anche ottimi risultati con legno e sughero per mobili ed altri elementi decorativi. Si applica anche con etichette, calcomania, carta e PVC per decorazioni di vetri, ceramiche e mattonelle.

Stampa in serigrafia
Stampa in serigrafia

Cosa si stampa con la serigrafia

Nel nostro laboratorio di serigrafia a Napoli, si possono decorare specchi o vetri. Possiamo stampare su bottiglie, vasi, vasetti, ma anche macchinette da gioco. Nessun limite per le dimensioni di stampa, poiché la serigrafia è in grado di produrre anche cartellonistiche pubblicitarie molto grandi. Inoltre, viene garantita un’alta resistenza delle stampe ai raggi del sole.

È per tal motivo, dunque, che le stampe serigrafiche sono anche quelle che vanno più in voga. Sono indubbiamente più richieste per espositori, vetrine e negozi.


Lascia un commento